Finanziamento agevolato giovani fino a 29 anni

Avviso pubblico “Selfiemployment”: via alle domande
Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che a partire dal 01.03.2016 è stata attivato un nuovo incentivo che consente ai giovani fino a 29 anni di avviare di iniziative di autoimpiego. Sono ammessi all’agevolazione i giovani iscritti al programma Garanzia Giovani che non hanno lavoro, non sono impegnati in percorsi di studio o formazione e intendono avviare un’attività con spese massime di 50.000 euro. L’incentivo viene concesso nella forma di finanziamento agevolato (a tasso zero) ad intera copertura delle spese, da restituire entro 7 anni, concesso anche in assenza di apposita garanzia. Le forme di finanziamento previste dal bando, nel dettaglio, sono le seguenti: i) microcredito per spese tra 5.000 e 25.000 euro; ii) microcredito esteso per spese tra 25.000 e 35.000; iii) piccoli prestiti per spese sopra i 35.000 (fino a concorrenza del limite massimo). Non si devono segnalare particolari condizioni con riferimento alla tipologia di attività da avviare: sono ammesse tutte le attività del settore della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising. Per accedere all’incentivo è necessario inviare la domanda ed il relativo businessplan ad INVITALIA attraverso la piattaforma informatica messa a disposizione dal 01.03.2016 (ore 12.00).

 

 

 

Premessa

Con il nuovo avviso “Selfiemployment” viene prevista l’erogazione di un incentivo a favore dei giovani che intendono avviare un’attività. Nel dettaglio, è disciplinata l’erogazione di un finanziamento a favore dei giovani fino a 29 anni che avviano un’attività di produzione di beni, commercio o fornitura di servizi.

 

Il finanziamento agevolato concesso dall’avviso pubblico ha le seguenti caratteristiche:

  • ha un tasso di interesse pari a zero;

 

  • deve essere restituito entro sette anni dalla sua concessione;
  • viene concesso anche in assenza di apposita garanzia.Il finanziamento viene concesso sulla base delle spese previste dal businessplan e nel limite massimo di 50.000 euro.Per accedere all’incentivo, gli interessati dovranno presentare domanda (assieme al businessplan) ad INVITALIA utilizzando l’apposita piattaforma a disposizione presso il seguente indirizzo.
  •  
  •  
  •  
Le finalità dell’agevolazione ed i soggetti beneficiari

L’avviso pubblico “selfiemployment” nasce allo scopo di sostenere l’avvio di nuove piccole iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo promosse da soggetti senza occupazione lavorativa che non frequentano corsi di studio o foirmazione. Per agevolare nella maggior misura possibile l’avvio di una nuova attività viene concesso un incentivo consistente in un finanziamento agevolato fino a 50.000 euro a copertura delle spese sostenute per l’avvio dell’attività.

 

Nel dettaglio, per poter beneficiare dell’agevolazione i soggetti che presentano la domanda devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • devono aver compiuto il diciottesimo anno di età e non avere più di 29 anni;
  • non devono frequentare un corso di studi o di formazione;
  • non devono essere inseriti in tirocini;

 

  • devono risultare disoccupati;
  • devono essere iscritti a Garanzia Giovani;
  • devono avere residenza sul territorio nazionale.
  •  
Le aree di attività ammesse

I giovani possono avviare iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità nelle seguenti forme:

  • imprese individuali, società di persone, società cooperative composte massimo da 9 soci. Sono ammesse le società:
    • costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive;
    • non ancora costituite, a condizione che vengano costituite entro 60 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni;
  • associazioni professionali e società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive. 
  • Possono essere finanziate le iniziative in tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, come ad esempio:
IPOTESI AMMESSE
I Turismo (alloggio, ristorazione, servizi) e servizi culturali e ricreativi.
II Servizi alla persona.
III Servizi per l’ambiente.
IV Servizi ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione).
V Risparmio energetico ed energie rinnovabili.
VI Servizi alle imprese.
VII Manifatturiere e artigiane.
VIII Commercio al dettaglio e all’ingrosso.
IX Trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, ad eccezione dei casi di cui all’articolo 1.1, lett. c), punti i) e ii) del Reg. UE n. 1407/2013.

 

Sono esclusi i settori della pesca e dell’acquacultura, della produzione primaria in agricoltura e, in generale, i settori esclusi dall’articolo 1 del Regolamento UE 1407/2013. Sono altresì escluse dall’agevolazione anche le attività riguardanti lotterie, scommesse e case da gioco.

 

Agevolazioni

Come anticipato in premessa le agevolazioni sono concesse in forma di finanziamento senza interessi e non assistito da garanzia:

 

AGEVOLAZIONE
Microcredito Iniziative che prevedono spese ammissibili tra 5.000 e 25.000 al netto dell’IVA. L’agevolazione viene concessa nella misura del 100% dei costi.
Microcredito esteso Iniziative che prevedono spese ammissibili tra 25.000 e 35.000 al netto dell’IVA. L’agevolazione viene concessa nella misura del 100% dei costi.
Piccolo prestito Iniziative che prevedono spese ammissibili tra 35.000 e 50.000 al netto dell’IVA. L’agevolazione viene concessa nella misura del 100% dei costi.

 

Per quanto concerne il microcredito l’erogazione delle agevolazioni avviene in un’unica soluzione mediante bonifico bancario successivamente all’avvenuto perfezionamento del provvedimento di ammissione.

Con riferimento al microcredito esteso, l’agevolazione viene suddivisa in due fasi: un anticipo di 25.000 euro con il provvedimento di ammissione ed un’erogazione di saldo entro 18 mesi dal perfezionamento del provvedimento di ammissione.

Per quanto concerne, infine, l’erogazione dei piccoli prestiti, l’erogazione potrà avvenire in forma frazionata:

  • un primo stato di avanzamento lavori, se richiesto dal destinatario finale, entro tre mesi dal perfezionamento del provvedimento, non superiore al 50% delle spese previste dal programma approvato;
  • una richiesta di saldo entro 18 mesi dal perfezionamento del provvedimento, a fronte del completamento e pagamento del programma di spesa.

 

  •  
Domanda

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello e le relative domande possono essere presentate dal 01.03.2016. Al riguardo si deve precisare che le domande inviate prima delle ore 12.00 della predetta data verranno automaticamente scartate.

 

L’accesso alle risorse avviene su ordine cronologico di presentazione delle domande, ed il loro esaurimento verrà comunicato attraverso il sito internet di INVITALIA.

 

Le domande di finanziamento devono essere compilate esclusivamente per via elettronica utilizzando la procedura informatica messa a disposizione sul sito internet www.invitalia.it. Le domande dovranno essere firmate digitalmente dal titolare dell’impresa, dal legale rappresentante della società/associazione/stp o dal presidente della cooperativa, oppure dalla persona fisica proponente.

 

Il piano deve contenere:

  • dati anagrafici e profilo del proponente;
  • descrizione dell’attività;
  • analisi del mercato e relative strategie;
  • aspetti tecnici;
  • aspetti economico finanziari.Al termine della procedura di compilazione del piano d’impresa e dell’invio telematico della domande e degli allegati, alla domanda verrà assegnato un protocollo elettronico e l’indicazione del responsabile del procedimento.All’esito della valutazione verrà emesso un provvedimento di ammissione che individua l’iniziativa ammessa e l’ammontare delle agevolazioni, regola i tempi e le modalità per l’attuazione dell’iniziativa e per l’erogazione delle agevolazioni, riporta gli obblighi del destinatario finale, i motivi di revoca ed il piano di tutoring e la condizione da assolvere per il perfezionamento del provvedimento stesso.