CUD 2014: illustrate le modalità di rilascio per i pensionati e cassaintegrati

Premessa:

Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarLe che l’Inps ha illustrato (circolare n. 45 del 28 marzo 2014) tutte le modalità di rilascio del CUD 2014, già disponibile dalla fine dello scorso mese di febbraio sul sito istituzionale dell’Istituto, www.inps.it. Analogamente allo scorso anno, è disponibile la certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, pensione ed assimilati (CUD) in modalità telematica, in applicazione di quanto stabilito dalla legge di stabilità 2013, seguendo il percorso: “Servizi al cittadino” → inserimento codice identificativo PIN → “Fascicolo previdenziale per il cittadino”. Ai cittadini in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata CEC-PAC, noto all’Istituto, il CUD è automaticamente recapitato alla corrispondente casella PEC, peraltro, ottenibile gratuitamente attraverso i servizi disponibili sul sitowww.postacertificata.gov.it. Ad ogni modo, per coloro che ne fanno richiesta è, comunque, possibile ottenere il CUD in formato cartaceo attraverso uno dei seguenti canali: i) Sportelli presso le Strutture dell’Istituto;ii) Postazioni Informatiche self service; iii) Posta elettronica certificata, scrivendo al seguente indirizzo:richiestaCUD@postacert.inps.gov.it“> richiestaCUD@postacert.inps.gov.it; iv) Centri di assistenza fiscale, Patronati, Professionisti abilitati all’assistenza fiscale; v) Comuni e altre Pubbliche Amministrazioni abilitate;vi) Uffici postali; vii) Sportello mobile per utenti ultraottantacinquenni titolari di indennità di accompagnamento, speciale o di comunicazione; viii) pensionati residenti all’estero, utilizzando i seguenti numeri telefonici dedicati: 06.59054403 – 06.59053661 – 06.59055702, attivi dalle 8,00 alle 19,00 (ora italiana) e fornendo i propri dati anagrafici e il codice fiscale; ix) Spedizione CUD a domicilio, facendo specifica richiesta attraverso il Contact Center. Nella circolare dell’INPS viene ribadito che il CUD può essere rilasciatoanche a persona diversa dal titolare.

Come noto, la legge di stabilità per il 2013 ha introdotto alcune nuove disposizioni che permettono all’INPS la possibilità di rilasciare in modalità telematica la documentazione dei redditi percepiti.

OSSERVA

Al fine di facilitare, nella maggior misura possibile, gli interessati, l’INPS ha predisposto degli interventi ad hoc, da una parte per garantire il maggior accesso possibile alla documentazione secondo modalità telematiche, dall’altra per garantire in ogni caso (con particolare riguardo alle situazioni di maggiore disagio) l’accessibilità alla documentazione cartacea, che deve essere garantita in ogni caso.

L’ Inps ha illustrato (circolare n. 45 del 28 marzo 2014) tutte le modalità di rilascio del CUD 2014, già disponibile dalla fine dello scorso mese di febbraio, sul sito istituzionale dell’Istituto, www.inps.it.

La fornitura telematica del CUD

L’INPS, ricorda che il modello CUD è disponibile dalla fine dello scorso mese di febbraio nella sezione Servizi al cittadino del sito istituzionale www.inps.it. Il certificato potrà essere visualizzato e stampato dall’utente, previa identificazione tramite PIN. Da un punto di vista pratico, per lo scarico della certificazione modello CUD 2014 è possibile accedere al sito INPS e seguire le seguenti istruzioni:

  • I° passaggio cliccare sulla casella Servizi online;
  • II° passaggio cliccare sulla casella Tipologia utente;
  • III° passaggio cliccare Cittadino
  • IV° passaggio cliccare su Servizi per il cittadino
  • V° passaggio, viene richiesto di inserire il proprio Codice Fiscale e PIN ( che potrebbe essere già stato inviato in passato dall’INPS e , quindi, già a disposizione del contribuente)
  • VI° passaggio inserimento dati e cliccare su AvantiAppare una schermata con l’elenco delle prestazioni online. Cliccare su Fascicolo previdenziale
  • VII° passaggio si apre una finestra a sinistra della quale c’è un menùCliccare sulla voce Modelli che contiene a sua volta i CUD pensionati e il Prospetto pensioni (OBIS/M) anchessi stampabili (se disponibili).

    Inoltre, bisogna evidenziare che ai cittadini in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata CEC-PAC, noto all’Istituto, il CUD verrà anche recapitato alla casella PEC corrispondente.

OSSERVA

In base all’art. 16-bis del Decreto Legge del 29 novembre 2008, n. 185, tutti i cittadini possono ottenere gratuitamente l’attribuzione di una casella di posta certificata CEC-PAC dal gestore PostaCertificat@, attraverso i servizi disponibili sul sito https://www.postacertificata.gov.it. I cittadini che hanno specificato un indirizzo di posta elettronica ordinaria (non certificata) all’atto della richiesta del PIN, saranno informati via email della disponibilità del CUD sul sito dell’Istituto.

Modalità alternative per ottenere il CUD 2014

Coma abbiamo anticipato in premessa, l’INPS ha fornito alcuni canali alternativi a quello telematico per ottenere il CUD e alternative all’invio via posta (che viene concesso solo in ipotesi residuali).

OSSERVA

La recenti disposizioni di legge in merito alla digitalizzazione dei procedimenti amministrativi e di riduzione della spesa delle pubbliche amministrazioni, tendono ad escludere l’utilizzo del canale postale per l’invio delle comunicazioni e delle certificazioni, con l’evidente scopo di abbattere i conseguenti tempi e costi di consegna. Per coniugare gli obiettivi di efficientamento dei processi di produzione, con l’esigenza di mantenere un canale fisico di accesso alla certificazione in questione, nell’interesse di quel significativo segmento di utenza che non possiede le dotazioni e le competenze necessarie per la piena fruizione dei servizi on line, l’Istituto ha approntato adeguate modalità alternative per ottenere il CUD in formato cartaceo.

Canale di rilascio

Procedura

Servizio erogato dalle Strutture dell’Istituto

Il contribuente interessato alla ricezione del CUD potrà rivolgersi a tutte le Strutture dell’Istituto, ove è disponibile almeno uno sportello dedicato al rilascio cartaceo del CUD.

È riconosciuta la possibilità al contribuente di delegare un soggetto di fiducia al ritiro della certificazione in parola, conferendo a quest’ultimo apposita delega o mandato: in assenza di delegala certificazione potrà essere rilasciata soltanto al soggetto intestatario previa identificazione dello stesso.

Postazioni informatiche self service

Sono presenti, presso tutte le strutture territoriali dell’Istituto, postazioni informatiche self service attraverso le quali gli utenti, in possesso di PIN, possono procedere direttamente (in un contesto connotato da affidabilità e sicurezza non soltanto tecnologica) :

· a presentare on line delle domande di servizio;

· ad effettuare tutte quelle interazioni con gli archivi informatici dell’Istituto alle quali risultano abilitati.

· alla stampa dei CUD 2014 ricorrendo anche, ove necessario,all’assistenza da parte del personale dell’URP.

È possibile accedere ai servizi in argomento mediante l’utilizzo della Tessera sanitaria (TS) ovvero della Tessera sanitaria – Carta nazionale dei servizi (TS-CNS).

Posta elettronica I cittadini in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata CEC-PAC possono ricevere direttamente – sulla propria casella di posta certificata – il CUD 2014: affinché sia possibile tale modalità di rilascio è necessario, però, che l’indirizzo pec del richiedente sia stato comunicato preventivamente all’INPS.

Di contro, invece, coloro in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata CEC-PAC ( mai comunicato all’INPS) potranno richiedere il proprio CUD inviando apposita richiesta di trasmissione al seguente indirizzorichiestaCUD@postacert.inps.gov.it“> richiestaCUD@postacert.inps.gov.it

Patronati, Centri di assistenza fiscale, professionisti abilitati all’assistenza fiscale E’ possibile richiedere il CUD, avvalendosi dei seguenti intermediari:

· un ente di Patronato

· CAF,

· un professionista abilitato all’assistenza fiscale o alla presentazione delle dichiarazioni reddituali in via telematica, in possesso di PIN e di certificato Entratel personale in corso di validità.

La visualizzazione del CUD da parte degli intermediari è subordinata, però, al rispetto dei seguenti adempimenti:

· acquisizione di una specifica delega o mandato di assistenza e alpossesso di alcuni dati riguardanti il cittadino.

· inserimento in procedura del Codice Fiscale e di alcuni dati univoci riguardanti l’interessato. In alternativa l’intermediario potrà inserire a sistema le copie scannerizzate della delega/mandato e del documento d’identità del Cittadino interessato.

Comuni ed altre PP.AA. abilitate Il cittadino potrà ottenere il CUD anche presso i Comuni e le altre PP.AA. che abbiano sottoscritto un protocollo con l’Istituto per l’attivazione di un punto cliente di servizio. Analogamente agli intermediari abilitati all’assistenza fiscale, la visualizzazione del CUD da parte degli operatori delle PP.AA. è subordinata all’esistenza di una specifica richiesta del cittadino e con le stesse modalità di accesso alle banche dati e di conservazione dei documenti previste per gli intermediari abilitati.
Uffici postali È possibile ottenere il rilascio del CUD esclusivamente presso gli uffici postali appartenenti alla rete “Sportello Amico“, dietro un corrispettivo a carico dell’utente pari a 2,70 euro più IVA.
Sportello Mobile per utenti ultraottantacinquenni titolari di indennità di accompagnamento, speciale o di comunicazione Per tale tipologia di contribuenti (ultraottantacinquenni titolari di indennità di accompagnamento) – notoriamente impossibilitati ad accedere alla certificazione in parola attraverso i canali fisici e telematici alternativi – è stato attivato un servizio dedicatodenominato “Sportello Mobile”per l’erogazione con modalità agevolate di alcuni prodotti istituzionali, tra i quali il rilascio della certificazione in argomento.

I predetti utenti dovranno, in primo luogo, richiedere all’INPS (con apposita comnunicazione) un codice personale per accedere al servizio e successivamente dovranno contattare un operatore della Sede territorialmente competente (utilizzando il numero telefonico presente nella lettera di accompagnamento del codice personale) al quale richiedere l’invio della certificazione CUD al prorpio domicilio.

Pensionati residenti all’estero I pensionati residenti all’estero possono richiedere la certificazione, fornendoi propri dati anagrafici e il numero di codice fiscale, ai seguenti numeri telefonici dedicati 06.59054403 – 06.59053661 – 06.59055702, con orario 8.00 – 19,00 (ora italiana).
Spedizione del CUD al domicilio del titolare

Il cittadino può comunque richiedere la trasmissione del CUD in forma cartacea,purché tale modalità di spedizione non comporti nuovi o maggiori oneri a carico delle casse dello Stato. A tale scopo è stato attivato il numero verde 800.43.43.20 dedicato appositamente alla richiesta di spedizione del CUD al proprio domicilio, in aggiunta ai già esistenti numero verde 803.164 per i telefoni fissi e 06164164 per i telefoni cellulari.

L’Inps ribadisce che il CUD può essere rilasciato anche a persona diversa dal titolare. In questo caso la richiesta può essere presentata:

  • da persona delegata;

OSSERVA

In tale circostanza, la richiesta deve essere corredata:

  • dalla delega con la quale si autorizza esplicitamente l’INPS al rilascio della certificazione richiesta;
  • dalla fotocopia del documento di riconoscimento dell’interessato;

La persona delegata dovrà, a sua volta, esibire il proprio documento di riconoscimento.
dagli eredi del soggetto titolare deceduto.

OSSERVA

In tal caso, l’utente deve presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000, con la quale attesti la propria qualità di eredeunitamente alla fotocopia del proprio documento di riconoscimento.