ASSICURAZIONI VITA/MORTE: NUOVE REGOLE DI DETRAZIONE

Premi assicurativi: regole di detraibilità

L’art. 15, comma 1 lett. f) del Tuir prevede la detrazione dall’imposta lorda di un importo pari al 19% delle spese sostenute dal contribuente per i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente da qualsiasi causa derivante, ovvero di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana.

Per l’anno 2013 tali oneri erano detraibili nel limite di € 630 e trovavano collocazione nei righi da E8 a E12, con il codice “12” nel modello 730/2014 ovvero nei righi da RP8 a RP14 sempre con il codice “12” nel modello Unico PF 2014.

Per l’anno 2014, invece, per tali premi assicurativi sono previsti due limiti di detraibilità:

  • i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5% (per i contratti stipulati o rinnovati dal 2001) e i premi per le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni (a condizione che il contratto abbia durata non inferiore a cinque anni e non consenta la concessione di prestiti nel periodo di durata minima, stipulati o rinnovati fino al 2000) sono detraibili per un importo non superiore ad € 530;
  • i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana sono detraibili per un importo non superiore a € 1.291,14, ma al netto dei premi aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente.