Prestiti di denaro ad amici o familiari, le necessarie cautele

Sempre più frequentemente vengono avanzate a questo studio richieste di chiarimenti, su come comportarsi nel momento in cui si rende necessario da parte di un privato erogare un finanziamento ad un altro privato (generalmente legato a rapporti di amicizia o di parentela). 

Le disposizioni di legge che regolano i prestiti di denaro

Il prestito di denaro (dunque soggetto all’obbligo di restituzione, con o senza interessi) è tecnicamente un contratto di mutuo disciplinato dall’art. 1813 del Codice Civile.

L’art. 1815 del medesimo codice prevede che, salvo patto contrario, sono dovuti interessi in misura pari al saggio legale (a decorrere dal 1/1/2014, l’1%). È facoltà delle parti, ovviamente, prevedere che il prestito sia senza interessi.

Se è prevista per il rimborso una rateazione e il mutuatario non paga anche una sola rata, il soggetto che ha erogato il prestito ha diritto a richiedere l’immediata restituzione dell’intera somma. Allo stesso modo se sono previsti interessi e questi non sono pagati, il mutuante ha diritto alla restituzione dell’intera somma prestata.

Può essere valutata l’ipotesi di concedere, se ritenuto necessario, il prestito solo a fronte del rilascio di una garanzia, ad esempio, rilascio di cambiali, ipoteca su un immobile di proprietà del mutuatario o fideiussione di un altro familiare con comprovata solidità economica. 

L’importanza del contratto

Ciò detto, è di assoluta importanza predisporre un contratto in forma scritta anche per giustificare il trasferimento della somma (sempre assolutamente con bonifico o assegno non trasferibile) dal soggetto che concede il prestito a quello che lo riceve; ciò allo scopo di non incorrere in pesanti sanzioni contemplate dalla normativa antiriciclaggio nonché per costituirsi idonee prove documentali in caso di verifica sui conti correnti bancari anche ai fini del “redditometro”.

Le imposte alla stipula del contratto

In caso di contratto in forma scritta si applica l’imposta di bollo di € 16,00 ogni 4 facciate.

Inoltre, il contratto va registrato all’Agenzia delle Entrate e sconta l’imposta di registro del 3% sul capitale erogato. Esempio: prestito di € 10.000,00; imposta € 300,00.

Se poi viene rilasciata una garanzia personale (ad esempio una fidejussione) occorre pagare l’imposta di registro dello 0,5% sul valore garantito.

Se, invece, il contratto è stipulato per corrispondenza commerciale (due atti in cui, in ciascuno dei quali compare la firma di una sola parte) l’imposta di registro si applica solo in caso d’uso (ossia, laddove dovesse essere prodotta al giudice in seguito ad un contenzioso tra mutuante e mutuatario).

Le imposte sugli (eventuali) interessi

Se i finanziamenti sono fruttiferi o anche solo presunti tali poiché nel contratto nulla si prevede:

  • gli interessi, se non sono indicate per iscritto le scadenze, si presumono percepiti nell’ammontare maturato nell’anno (1.1-31.12);
  • la misura degli interessi, se non indicata per iscritto, si presume al tasso legale;
  • gli interessi sono tassati in capo al percipiente in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi, in base agli scaglioni IRPEF (Unico Persone Fisiche, quadro RL)

Raccomandata senza busta

Nello Cacciapiglia

Via Paperon De Paperoni 100

1111 Topolinia

CF: CCPNNL58P31ZZZX

Topolinia, 20/01/2014                                                                                 

Gentile

Donatella Rivetti

Via degli Scannati 13

0100 Roma

Come da intese intercorse le confermo la concessione da parte mia di un finanziamento infruttifero di € 10.000,00 (diecimila euro) alle seguenti condizioni:

Oggetto

Il sottoscritto concedente che non effettua in via professionale e organizzata attività di erogazione di finanziamenti, trasferisce a lei ricevente, a titolo di prestito occasionale la somma di € 12.000,00 (dodicimila) a mezzo assegno bancario non trasferibile n. 1235545687 tratto sulla Banca Prendi e Fuggi spa, Sede di Topolinia, del quale lei ricevente rilascia ampia e liberatoria quietanza con la firma della presente, salvo buon fine dell’assegno medesimo.

Restituzione

Lei si obbliga a restituire la predetta somma in n. 24 rate mensili da € 500,00 cadauna entro il giorno 5 di ogni mese a partire dal mese di febbraio 2014 e fino al mese di gennaio 2016. Resta ferma da parte sua la possibilità di restituire in qualunque momento anticipatamente, in tutto o in parte il suddetto debito.

Interessi

Non sono previsti interessi convenzionali.

Ritardi e inadempimenti

In caso di ritardo nella restituzione delle singole rate si applica una penale di € 10,00 (dieci) per ogni giorno di ritardo. Se il ritardo nel pagamento anche di una sola rata dovesse essere maggiore di 90 giorni il contratto si considera risolto di diritto, fermo restando la penale sopra indicata.

Finalità del prestito

Il prestito viene erogato per far fronte … descrivere

Garanzie

A garanzia della puntuale restituzione del prestito e del pagamento delle eventuali penali che dovessero applicarsi, viene rilasciata con separata scrittura la fideiussione di suo padre sig. Illuso Rivetti; CF: RNT LLS 50L11B834Z.

Rinvio

Per quanto non espressamente disposto nel presente contratto si rinvia alla normativa del codice civile e delle leggi speciali.

La invitiamo a trascrivere la presente, firmarla e restituirla in segno di integrale accettazione.

Nello Cacciapiglia

Raccomandata senza busta

Donatella Rivetti

Via degli Scannati 13

0100 Roma

 

Roma, 28/01/2014

Gentile

Nello Cacciapiglia

Via Paperon De Paperoni 100

1111 Topolinia

CF: CCCLLE58P11h501Y

Topolinia, 20/01/2014  

Ho ricevuto in data odierna la stimata sua che trascrivo di seguito in segno di integrale accettazione.

Raccomandata senza busta

Nello Cacciapiglia

Via Paperon De Paperoni 100

1111 Topolinia

CF: CCCLLE58P11h501Y

Topolinia, 20/01/2014                                                                                 

Gentile

Donatella Rivetti

Via degli scannati 13

0100 Roma

Come da intese intercorse le confermo la concessione da parte mia di un finanziamento infruttifero di € 10.000,00 (diecimila euro) alle seguenti condizioni:

Oggetto

Il concedente che non effettua in via professionale e organizzata attività di erogazione di finanziamenti, trasferisce a lei ricevente a titolo di prestito occasionale la somma di €. 12.000,00 (dodicimila) a mezzo assegno bancario non trasferibile n. 1235545687 tratto sulla Banca Prendi e Fuggi spa, Sede di Topolinia, del quale lei ricevente rilascia ampia e liberatoria quietanza salvo buon fine dell’assegno medesimo.

Restituzione

Lei si obbliga a restituire la predetta somma in n. 24 rate mensili da € 500,00 cadauna entro il giorno 5 di ogni mese a partire dal mese di febbraio 2014 e fino al mese di gennaio 2016. Resta ferma da parte sua la possibilità di restituire in qualunque momento anticipatamente, in tutto o in parte il suddetto debito.

Interessi

Non sono previsti interessi convenzionali.

Ritardi e inadempimenti

In caso di ritardo nella restituzione delle singole rate si applica una penale di € 10,00 (dieci) per ogni giorno di ritardo. 

Se il ritardo nel pagamento anche di una sola rata dovesse essere maggiore di 90 giorni il contratto si considera risolto di diritto, fermo restando la penale sopra indicata.

Finalità del prestito

Il prestito viene erogato per far fronte ……(descrivere).

Garanzie

A garanzia della puntuale restituzione del prestito e delle eventuali penali che dovessero applicarsi viene rilasciata con separata scrittura la fideiussione di suo padre sig. Illuso Rivetti, CF: RNT LLS 50L11B834Z.

Rinvio

Per quanto non espressamente disposto nel presente contratto si rinvia alla normativa del codice civile e delle speciali.

La invitiamo a trascrivere la presente e firmarla in segno di integrale accettazione.

F.to Nello Cacciapiglia

Donatella Rivetti